I sex toys risalenti a 28.000 anni: antichi falli fatti di di pietra hanno lanciato la moda dei sex toys. E’ stimato che un fallo di silice in Germania risalga a 28.000 anni fa ed è considerato il più antico "sex toy" mai scoperto.

Falli fatti di pietra, legno, cuoio e persino sterco di cammello sono stati trovati durante gli scavi, o citati in testi storici ed immagini storiche. La Collezione Wellcome ha una serie di artefatti sessuali in mostra come parte della sua mostra dell’ Institute of Sexology a Londra.

Per migliaia di anni, gli oggetti fallici sono stati usati simbolicamente come mezzo per aumentare la fertilità e allontanare gli spiriti maligni - ma il loro uso come aiuti sessuali ha anche una lunga storia.

Un fallo di 28.000 anni trovato recentemente in Germania, ad esempio, è considerato il più antico "sex toy" mai conosciuto. Un fallo di pietra di 20 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza è stato trovato nella grotta di Hohle Fels nei pressi di Schelklingen in Germania. Lo "strumento" preistorico è composto da 14 frammenti di pietra e risale a 28.000 anni fa.

A causa delle sue dimensioni, gli esperti ritengono che potrebbe essere il primo sex toy mai ritrovato.

Il termine dildo è stato coniato per la prima volta intorno al 1400 d.C. e originato dal latino per "dilatare", che significa "aprire”. Termine latino che in italiano mantiene il nome originale di “dildo”. In Medio Oriente, i rapporti degli storici fanno riferimento agli egiziani e ai greci come utilizzatori di banane acerbe o sterco di cammello essiccato e ricoperto di resina come sex toy.

Ma i sex toy furono usati molto prima, fin dal 500 aC, quando i falli erano scolpiti nella pietra, nella pelle o nel legno. Alcuni sono stati fatti anche di catrame. Nell'antica Grecia, in particolare, i rapporti degli studiosi affermano che i commercianti nella città di Mileto fabbricarono e vendettero oggetti chiamati "olisbos", appunto degli antichi dildo destinati ad aiutare le mogli a raggiungere la penetrazione sessuale mentre i loro mariti erano assenti.

Gli antichi oggetti sessuali erano anche usati nell'Italia rinascimentale, e in genere erano fatti di cuoio e usati con olio d'oliva per la lubrificazione. I membri della società di alta classe mostrerebbero persino i loro giocattoli sessuali, spesso realizzati in argento, oro e avorio. Tuttavia, si diceva che fossero dolorosi da usare e la loro popolarità calava.

I primi dildo non arrivarono nel Regno Unito prima del 1500. Honor Beddard, co-curatore della Wellcome Collection, ha dichiarato: "L'Istituto di sessuologia presenta lo studio del sesso in tutta la sua complessità e contraddizione. Riunisce le diverse raccolte di dati, arte, testimonianze e oggetti di coloro che sfidano le idee preconcette sul sesso e racconta le storie umane dietro la creazione di esperienze sessuali. Sottolineando l'effetto profondo che la raccolta e l'analisi delle informazioni possono avere nel cambiare gli atteggiamenti sulla condizione umana, la mostra rivela la nostra comprensione dell'identità sessuale come una storia in continua evoluzione."

La mostra presenta rari materiali d'archivio, erotismo, film, fotografia, artefatti medici ed etnografia, tutti legati al sesso.

Nel 2005, Un fallo di pietra di 20 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza è stato trovato nella grotta di Hohle Fels nei pressi di Schelklingen in Germania. Il dildo preistorico è composto da 14 frammenti di pietra e risale a 28.000 anni fa. Durante gli scavi presso il sito neolitico, all'inizio del XX secolo, gli archeologi hanno trovato vari depositi di manufatti e altro materiale, tra cui corna, ossa di animali e umani, selci e gesso scolpito. Tra questi manufatti c'era un oggetto a forma di fallo fatto di gesso e misura circa 20 cm di lunghezza.

Ma le sculture non erano solo utilizzate per il piacere sessuale. In alcune culture pagane, un orgasmo femminile era visto come un'offerta agli dei della fertilità, mentre il simbolo fallico era popolare durante l'epoca romana. In particolare, le statue del dio della fertilità Priapo con un grande fallo verrebbero utilizzate per proteggere i giardini e aiutare le colture a crescere.

Nella mitologia greca, Priapus è stato rappresentato con un'erezione sovradimensionata e permanente, che ha dato origine al nome del priapismo termine medico. Il priapismo è un'erezione persistente e spesso dolorosa che dura diverse ore - in rari casi, per settimane. Un amuleto in bronzo massiccio, nella forma di Priapo, è tra i manufatti esposti nella Collezione Wellcome.

Gli amuleti fallici dell'epoca erano conosciuti come affascinanti e furono persino trovati nelle rovine di Pompei, e si credeva che i simboli potessero allontanare gli spiriti maligni. Utilizzato nell'antica religione e magia romana, l'affascinante fallo si riferiva al dio Fascinus. Il fallo era usato per evocare la protezione divina. Nel frattempo, la divinità fallica Mutunus Tutunus era un simbolo del sesso coniugale.

In Turchia, durante il VI secolo aC, gli antichi anatolici usavano sculture di organi sessuali per scongiurare il male e la sfortuna in quanto credevano di contenere poteri speciali.

Molto più tardi, nel 18° secolo in Francia, fu costruito il primo vibratore. Era un congegno portatile, a carica manuale progettato dai medici. Al tempo, si credeva che questo innovativo sex toy potesse curare le donne dall’isteria. Nel 1869, un medico americano George Taylor è accreditato come il creatore di una versione a vapore, prima che un vibratore elettromeccanico fu sviluppato nel 1880 dal Dr. Joseph Granville.

Lungi dall'essere oggetti sessuali, si diceva che questi dispositivi fossero usati per trattare l'isteria femminile.

I rapporti affermano che i medici fin dal 13° secolo dubitavano che le donne avessero la libido e consigliavano di usare giocattoli sessuali per alleviare la frustrazione sessuale. I medici durante il XX secolo userebbero quindi dei vibratori per la stimolazione del clitoride per trattare questa cosiddetta isteria.

I sintomi dell'isteria comprendevano ansia, insonnia, irritabilità e fantasie erotiche. Uno di questi vibratori, chiamato Veedee, è in mostra alla Wellcome Collection, ma un portavoce ha detto a MailOnline che il suo uso come strumento vittoriano da parte dei medici per indurre orgasmi è stato contestato come un mito.

I primi dildo di gomma risalgono al 1850 circa e iniziarono ad apparire nei film negli anni '30 e '40. A questo punto, molti furono chiamati aiuti coniugali, piuttosto che aiuti sessuali. "All'inizio del secolo, il vibratore si divideva in due linee di prodotti", ha spiegato la storica della tecnologia Rachel Maines. "Uno era per i medici e uno era per i consumatori e i medici odiavano davvero l'idea che esistessero dei vibratori per i consumatori.

C'erano questi relativamente poco costosi, alcuni che sembravano un frullino per le uova per le persone che non avevano l'elettricità. E c'erano quelli alimentati a batteria.

OGGI finalmente, dopo i primitivi sex toy, possiamo avvalerci di un'ampia gamma di moderni, potenti e sicuri VIBRATORI e DILDO.

Contenuto coperto da Copyright by Red Passions Sexy Shop. Riproduzione permessa esclusivamente linkando la fonte.


REDPASSIONS SEXY SHOP ONLINE

Red Passions Sexy Shop Online dal 2014 propone in vendita una vasta selezione di sex toys per adulti: dildo, vibratori, bambole gonfiabili, masturbatori, sexy lingerie. Nel nostro sexyshop troverai inoltre lubrificanti e ritardanti sessuali. Il tutto ai migliori prezzi online!
Sexy shop con pacco anonimo,discrezione totale e spedizione immediata, centinaia di prodotti in magazzino di nostra proprietà e spedizioni lampo dal nostro Sexy Shop. Scopri tutto. Azienda 100% Italiana, siamo gli unici distributori italiani di Real Doll, le bambole in silicone per adulti. Questo sito contiene materiale per adulti. Vietato ai minori di 18 anni.

RED PASSIONS SEXY SHOP ONLINE: VENDITA ONLINE DILDO, FALLI, VIBRATORI, BAMBOLE GONFIABILI E IN SILICONE, MASTURBATORI, SEXY GADGET, SEX TOYS, INTIMO SEXY, TOYS EROTICI, GIOCHI BONDAGE, SEXYSHOP AFFIDABILE CON PACCO ANONIMO. CON VOI DAL 2014